Le FAQ dell’agenzie delle Entrate per i “Property Manager ”

Quali sono gli obblighi di comunicazione nel caso di property manager  ?

Nel caso in cui il property manager presenti i requisiti per essere considerato un Gestore di Piattaforma tenuto alla comunicazione dovrà assolvere agli adempimenti di adeguata verifica in materia fiscale e di comunicazione delle informazioni previsti dal D.lgs. n° 32/2023 (cfr. FAQ OCSE Sezione I, n. 15). In ogni caso, se vi sono più Gestori di piattaforma con obbligo di comunicazione in relazione al medesimo venditore oggetto di comunicazione, ciascuno di essi è esonerato da tale obbligo se può provare che le medesime informazioni sono state comunicate da un altro gestore di piattaforma con obbligo di comunicazione (cfr. D.lgs. n. 32/2023, articolo 10, commi 1 e 2). Nell’ipotesi in cui il property manager non presenti i requisiti per essere considerato un Gestore di Piattaforma tenuto alla comunicazione e sia registrato su una Piattaforma come Venditore insieme al proprietario dell’immobile, il Gestore di piattaforma tenuto alla comunicazione dovrà comunicare come Venditore oggetto di comunicazione solo il proprietario dell’immobile (cfr. FAQ OCSE Sezione III, n. 9).

Generalmente i property manager non sono gestori di piattaforme esclusive capaci di offrire servizi  come una qualsiasi piattaforma OTA di settore ma si avvalgono a sua volta  per ricevere servizi (leggi prenotazioni )  di quelle più comuni presenti sul web su cui , nella maggior parte dei casi,  registrano l’immobile  che a vario titolo i proprietari gli affidano in gestione e quindi se su dette piattaforme il property manager è registrato come venditore assieme al proprietario dell’immobile il gestore di piattaforma (leggi OTA) dovrà comunicare solo il nome del proprietario dell’immobile.  


fino al 15 febbraio per gli invii 2023

Il termine inizialmente fissato al 31 gennaio è stato prorogato per dare più tempo ai gestori per adempiere alla comunicazione dei dati nel primo anno di applicazione della disciplina. Vai alla comunicazione ufficiale

COMUNICATO DAC7 ANBBA ha inviato , nell’imminenza della prima scadenza di questo adempimento , da parte dei soggetti obbligati , una richiesta all’Agenzia delle Entrate contenente una proroga per questo primo invio e chiarimenti relativi al mal funzionamento dell’apposita piattaforma on-line.

CHIARIMENTI per il DAC7

Disposizioni attuative del decreto legislativo n. 32 del 1° marzo 2023 di attuazione della direttiva (UE) 2021/514 del Consiglio del 22 marzo 2021, recante modifica della direttiva 2011/16/UE per quanto riguarda lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale. Modalità e termini di comunicazione delle informazioni, registrazione dei soggetti tenuti, casi di esclusione e individuazione degli Uffici competenti allo svolgimento dei controlli nei confronti dei Gestori di piattaforma.

COMUNICATO STAMPA del 20 novembre 2023

Entro il 31 gennaio 2024 i gestori di piattaforme digitali residenti in Italia e ad alcune condizioni i gestori stranieri “non-Ue” (Fpo), dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati sulle vendite di beni e prestazioni di servizi realizzate dagli utenti attraverso i loro siti e app. Entro il successivo 29 febbraio, il Fisco italiano condividerà queste informazioni con le autorità degli altri paesi Ue, in base allo Stato di residenza del venditore, ricevendo a sua volta quelle relative ai venditori (persone fisiche o giuridiche) residenti in Italia. Con un provvedimento firmato dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, diventa operativa la direttiva europea Dac7 (2021/514 del Consiglio del 22 marzo 2021) sullo scambio automatico delle informazioni sul reddito degli utenti che vendono prodotti o forniscono servizi attraverso le piattaforme digitali, come recepita nell’ordinamento italiano dal Dlgs n. 32/2023.