SEZIONE "Cura Italia" -BIS

 

Aggiornamento del  15 Ottobre    2021 

 

SEZIONE SPECIALE

Comunicazioni e Informazioni 

a cura del 

Reg.Paolo Sardi 

 

Assistenza fiscale e tecnica

riservata ai soci ANBBA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Postato 15/10/2021  ore 16:58

 

 

Comunicato del 14 ottobre 2021

 

Nuovo bonus prima casa per gli under 36 In una circolare delle Entrate tutte le regole per usufruire dell’agevolazione

 

 

Pronte le istruzioni per ottenere il bonus “Prima casa under 36” previsto dal Dl Sostegni bis (Dl n. 73/2021). Possono beneficiarne i giovani con meno di 36 anni e un Isee non superiore 40mila euro che acquistano un’abitazione entro il 30 giugno 2022. Con la circolare n. 12/E, firmata dal direttore dell’Agenzia, viene tracciato il perimetro della nuova agevolazione che punta a favorire l’acquisto della casa di abitazione da parte delle persone più giovani attraverso alcune misure di favore come l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale e il riconoscimento di un credito d’imposta in caso di acquisto soggetto a Iva. In particolare, il documento di prassi chiarisce che il nuovo bonus si applica anche alle pertinenze dell’immobile agevolato, come il box ad esempio, e che le imposte di registro, ipotecaria e catastale sono azzerate anche per gli atti soggetti a Iva. Il bonus “Prima casa under 36”, che vale per gli atti stipulati tra il 26 maggio 2021 e il 30 giugno 2022, prevede inoltre l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i mutui erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili a uso abitativo.

L’agevolazione non è invece applicabile ai contratti preliminari di compravendita, essendo prevista per i soli atti traslativi o costitutivi a titolo oneroso.

Quali sono i requisiti per accedere al nuovo bonus - Il bonus è riservato ai soggetti che non hanno ancora compiuto trentasei anni di età nell’anno in cui l’atto è rogitato e con un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 40mila euro annui. Inoltre, il contribuente, al momento della stipula dell’atto, deve dichiarare di avere un valore Isee non superiore a 40mila euro e di essere in possesso della relativa attestazione in corso di validità (o di aver già provveduto a richiederla in data anteriore o almeno contestuale alla stipula dell’atto).

I vantaggi del bonus prima casa under 36 - L’agevolazione prevede diversi vantaggi, che si estendono anche all’acquisto delle pertinenze dell’abitazione principale. In primo luogo, è prevista l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale e, in caso di acquisto soggetto a Iva, è riconosciuto anche un credito d’imposta pari all’imposta pagata per l’acquisto, che potrà essere utilizzato a sottrazione delle imposte dovute su atti, denunce e dichiarazioni dei redditi successivi alla data di acquisto o usato in compensazione tramite F24. Agevolazioni anche per i finanziamenti collegati all’acquisto, alla costruzione e alla ristrutturazione dell’immobile: con il bonus prima casa under 36, infatti, non è dovuta l’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse sulle concessioni governative. Per godere dell’esenzione il beneficiario dovrà dichiarare la sussistenza dei requisiti nel contratto o in un documento allegato.

I contratti preliminari di compravendita e le aste giudiziarie – La circolare pone l’attenzione anche sui contratti preliminari di compravendita, che non possono godere delle nuove agevolazioni in quanto la norma fa riferimento ai soli atti traslativi o costitutivi a titolo oneroso. Resta fermo che, in presenza delle condizioni di legge, successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita, è possibile presentare formale istanza di rimborso per il recupero dell’imposta proporzionale versata per acconti e caparra in forza dell’articolo 77 del TUR. Semaforo verde, infine, per gli immobili acquistati tramite asta giudiziaria, che possono accedere comunque al beneficio.

 

 

 

 

 

Postato 21/07/2021  ore 17:40

Superbonus 110% ora è più semplice: meno burocrazia. Per lo sgravio basta comunicare l’inizio dei lavori



 Superbonus 110% più semplice

Che significa di più facile applicazione, con meno rigidità sulle violazioni (da verificare sui singoli interventi) e meno passaggi burocratici. È il risultato del lavoro di mediazione (ma anche qualche scontro) tra le forze politiche per l’approvazione del decreto legge 77, cioè il decreto Semplificazioni o Recovery sulla governance del Pnrr, riformulato due notti fa dalle commissioni Affari costituzionali e Ambiente della Camera.

Continua a leggere su:

https://www.corriere.it/economia/superbonus-sgravi-fiscali-casa/notizie/superbonus-110percento-ora-piu-semplice-meno-burocrazia-lo-sgravio-basta-comunicare-l-inizio-lavori-fe7f678a-e98b-11eb-94c9-3e2e13e36d00.shtml

Postato 16/06/2021  ore 16:40

Imu 2021

Esenzione covid

Cronologia degli interventi legislativi

Per tutelare le categorie maggiormente colpite dall'emergenza covid, sono state introdotte varie esenzioni dall'Imu 2021. In primis è stata la legge di bilancio 2021 a disporre l'esenzione Imu 2021 per covid per le strutture ricettive, come gli alberghi. Nello specifico:

·         stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, stabilimenti termali;

·         immobili rientranti nella categoria catastale D/2 (alberghi, pensioni) e relative pertinenze, a condizione che i relativi soggetti passivi siano anche gestori delle attività esercitate;

·         agriturismi, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence e campeggi, a condizione che i relativi soggetti passivi siano anche gestori delle attività esercitate;

·         immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;

·         discoteche, sale da ballo, night-club e simili, a condizione che i soggetti passivi siano anche gestori delle attività esercitate.

Successivamente, un emendamento al decreto Sostegni ha introdotto la seguente esenzione Imu 2021 sugli immobili, seconde case, a determinate condizioni

·    titolari di partita IVA che siano residenti o domiciliati sul territorio italiano, i quali svolgono attività d’impresa, arte o professione oppure producono reddito agrario, i cui ricavi del 2020 abbiano subito una riduzione di almeno il 30% rispetto al 2019. In particolare, l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 deve essere stato inferiore di almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.

·         L'attività non deve essere cessata prima del 23 marzo 2021 e non vale l'esenzione per attività intraprese dal 24 marzo 2021 in poi. Farà fede la data di attivazione della partita IVA:

·         I soggetti dovranno essere titolari di un reddito non superiore ai 10 milioni di euro nel secondo periodo di imposta antecedente a quello di entrata in vigore del primo Decreto Sostegni, ossia nell'anno 2019

·       L'esenzione si applica soltanto agli immobili nei quali i soggetti esercitano l'attività d'impresa, quindi non sono esenti tutti gli altri immobili non funzionali alla stessa.

 

 

******

 

Vedi risposta ad interpello IMU/TASI di: 

Clicca 

 

 

 

 

 



 

Postato 07/06/2021  ore 18:47

Acconto IMU entro il 16 giugno: chi paga e chi no

Si avvicina il consueto appuntamento del 16 giugno con il versamento della prima rata dell’IMU. La platea dei contribuenti interessati dalla scadenza risulta, peraltro, ridotta rispetto agli anni scorsi: se l’IMU resta non dovuta sull’abitazione principale, ad esclusione delle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, nuove riduzioni ed esenzioni sono state introdotte negli ultimi mesi, a favore dei settori economici maggiormente colpiti dalla crisi da Covid. Da ultimo, il decreto Sostegni, ha previsto l’esenzione dall’acconto IMU 2021 per i titolari di partita IVA beneficiari dei contributi a fondo perduto, per gli immobili in cui i soggetti passivi esercitano le attività di cui sono anche gestori.

 

Continua a leggere su

 

https://www.ipsoa.it/documents/fisco/tributi-locali/quotidiano/2021/06/07/acconto-imu-entro-16-giugno-paga-no

 

 

 

 

 

Postato 20/05/2021  ore 21:16

 

   Decreto Sostegni bis, testo ufficiale approvato: novità e agevolazioni per imprese e famiglie

 

 

Il testo del decreto Sostegni bis è stato approvato in via definitiva il 20 maggio 2021, con numerose novità per partite IVA, imprese e famiglie. Dal fondo perduto ai bonus per i lavoratori, ecco cosa prevede.

Approvato il testo del decreto Sostegni bis: il Consiglio dei Ministri del 20 maggio 2021 ha dato il via libera definitivo al nuovo provvedimento economico.

Dai contributi a fondo perduto ai bonus per partite IVA, lavoratori e famiglie, sono numerose le novità approvate in via definitiva.

 

 

Leggi tutto su :

 

 

https://www.informazionefiscale.it/Decreto-Sostegni-bis-testo-pdf-novita

 

Postato 25/04/2021  ore 16:01

Come sarà il nuovo  

SUPERBONUS 2021

 

Revisione delle regole e delle aliquote: ecco come sarà il superbonus

Semplificazioni ed ampliamento dei benefici anche alle strutture ricettive

Questi alcuni degli obiettivi dell'esecutivoAmpliare i benefici del Superbonus, arrivando ad includere anche le strutture ricettive, per dare una spinta tanto al turismo quanto all'occupazione, e mirare ad una semplificazione che comprenda le aliquote fiscali, con una previsione unica al 75%: questi alcuni degli aspetti del Superbonus 110% a cui sta lavorando il governo. Delle modifiche che dovrebbero essere incluse direttamente all'interno del Decreto semplificazioni, la cui approvazione è in calendario solo dopo l'ok al Recovery Plan.

 

Continua a leggere su :

 

https://www.ilgiornale.it/news/economia/revisione-delle-regole-e-delle-aliquote-ecco-sar-superbonus-1941537.html

 

 

Postato 24/04/2021  ore 15:20

Cartelle esattoriali,

nuova rateazione senza saldare le rate scadute:

come funziona

 

Pioggia di cartelle in arrivo a partire dal primo maggio: il Fisco tornerà a battere cassa per 35 milioni di versamenti rimasti sospesi a seguito dell’emergenza Covid in Italia. In alcuni casi, però, sarà possibile chiedere la rateizzazione, anche se non si sono saldate le rate scadute precedentemente. Vediamo nello specifico come funziona.

Le cartelle esattoriali in scadenza il 30 aprile: Fisco pronto a riscuotere

Prima di procedere bisogna ricordare che, a partire dal primo maggio, riprenderanno:

Continua a leggere su :

 

 

https://quifinanza.it/fisco-tasse/video/cartelle-esattoriali-nuova-rateazione-rate-scadute/483855/

 

 

 

 

Postato 21/04/2021  ore 21:20

 

 

DENUNCIA REDDITI 2021

 

Record: 64 pagine di istruzioni per il quadro RU

 

Redditi 2021: l’effetto del virus sul quadro RU del modello Redditi 2021. Per compilare il prospetto dedicato ai crediti d’imposta sarà infatti necessario leggere attentamente le 64 pagine di istruzioni allo stesso

 

Continua a legge su :

 : 

 

 

Le notizie e gli aggiornamenti contenuti in questa pagina 

sono coordinate  dal Rag.Paolo Sardi consulente fiscale di ANBBA 

 

 

Postato 01/04/2021  ore 21:20

DECRETO SOSTEGNI  2021

 

Partite IVA, riduzione bollette elettriche per aprile, maggio e giugno 2021: le novità del DL Sostegni

 

È prevista su base trimestrale, da aprile e fino a giugno 2021, la riduzione degli oneri delle bollette elettriche relative ad utenze non domestiche.

Nel dettaglio, il decreto Sostegni al comma 1 dell’articolo 6 individua tra i beneficiari dello sconto in bolletta i titolari di utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici, in relazione alle voci identificate come:

  • trasporto e gestione del contatore;
  • oneri generali di sistema.

Sarà l’ARERA, sulla base delle risorse stanziate dal decreto Sostegni, pari a 600 milioni di euro, a rideterminare l’importo delle bollette, secondo i seguenti principi guida:

  • garantire un risparmio, parametrato al valore vigente nel primo trimestre dell’anno, delle componenti tariffarie fisse applicate per punto di prelievo;

per le sole utenze con potenza disponibile superiore a 3,3 kW, la spesa effettiva relativa alle due voci di cui al primo periodo non dovrà risultare superiore a quella che, in vigenza delle tariffe applicate nel primo trimestre dell’anno, si otterrebbe assumendo un volume di energia prelevata pari a quello effettivamente registrato e un livello di potenza impegnata fissato convenzionalmente pari a 3 kW. La riduzione delle bollette elettriche prevista dal decreto Sostegni supera ed abroga quanto previsto dall’articolo 8-ter del decreto legge n. 137 del 28 ottobre 2020, con il quale l’agevolazione era stata introdotta esclusivamente in favore degli esercenti attività maggiormente colpite dalle restrizioni.

Al pari di quanto previsto per i nuovi contributi a fondo perduto, il decreto Sostegni supera il criterio dei codici ATECO.

******

Partite IVA, riduzione canone Rai speciale del 30 per cento per strutture ricettive e di somministrazione

In parallelo alle agevolazioni sulle bollette, il decreto Sostegni introduce la riduzione del canone Rai speciale.

 

L’articolo 6 introduce una riduzione del 30% sul pagamento del Canone Rai per i soggetti che pagano i cosiddetti “canoni speciali”.

Beneficiano della misura le strutture ricettive e di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico.

Il taglio del Canone Rai 2021 non spetta indistintamente a tutti coloro che sono sottoposti al pagamento, ma soltanto ad alcune categorie di soggetti, come precisato nella relazione tecnica che accompagna il decreto legge.

In particolare, hanno diritto alla riduzione del 30% sul Canone Rai per tutto il 2021 le seguenti attività:

  • strutture ricettive (come hotel o alberghi);
  • strutture di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico (come bar, pub o ristoranti).

Queste categorie di soggetti, qualora abbiano già pagato il Canone per il 2021 prima dell’entrata in vigore del decreto legge, verranno riconosciuti dall’Agenzia delle Entrate e verranno rimborsati con un credito di imposta

 

 

Postato 17/03/2021  ore 21:19

 

Ue presenta i pass verdi Covid "per salvare l'estate"

Von der Leyen, Reynders e Breton presentano nuovo pacchetto di misure per revocare le limitazioni ai viaggi. Il pass, disponibile forse da giugno, sarà vincolante per tutti gli Stati membri

"Col certificato vaccinale puntiamo ad aiutare gli Stati membri a ritornare" a mobilità in sicurezza e coordinata. Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa per la presentazione di un nuovo pacchetto di misure per revocare le limitazioni ai viaggi.

 

Continua a leggere su :

 

 

https://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2021/03/17/ue-presenta-la-proposta-per-i-pass-verdi-covid_dc4b8d03-160f-4321-81c5-c924f900e6b0.html

 

********

 

 

Covid, Bruxelles lancia la proposta di un “certificato verde digitale” per tornare a viaggiare quest’estate in Ue

 

Non si chiama passaporto ma “certificato verde digitale” per facilitare la libera circolazione sicura all'interno della Ue durante la pandemia. La prova che una persona è stata vaccinata contro Covid-19, ha ricevuto un risultato negativo del test o si è ripresa da Covid-19. Sarà disponibile, gratuitamente, in formato digitale o cartaceo. Includerà un codice QR per garantire la sicurezza e l'autenticità del certificato. E' la proposta legislativa della Commissione europea che istituisce un quadro comune di riferimento per facilitare la convivenza con il Covid-19.

 

Continua a leggere su :

 

https://www.lastampa.it/viaggi/mondo/2021/03/17/news/covid-bruxelles-lancia-la-proposta-di-un-certificato-verde-digitale-per-tornare-a-viaggiare-quest-estate-in-ue-1.40037994

 

 

 

 

Postato 15/03/2021  ore 11:19

 

Vacanze estate 2021,

il piano del ministro Garavaglia

 

Come far ripartire il turismo per la prossima estate, il piano di Garavaglia.

L’estate scorsa il Paese era da poco uscito dalla prima ondata. Nonostante le spiagge a numero chiuso, le mascherine e l’impossibilità di viaggiare all’estero, era stata un’estate “quasi” normale.

Da allora non è trascorso nemmeno un anno, ma la situazione è completamente cambiata. Nel frattempo sono arrivate la seconda e la terza ondata, gli alberghi vivono una crisi economica senza precedenti, senza contare che ci si appresta a vivere un nuovo lockdown.

 

Continua a leggere su :

  

 

 

https://www.investireoggi.it/economia/vacanze-estate-2021-il-piano-del-ministro-garavaglia/

 

Postato 01/03/2021  ore 21:35

Turismo, come sarà l’estate 2021 secondo il capo mondiale di Booking

 

Glenn Fogel, ceo del colosso dei viaggi, racconta al Sole 24 Ore quali sono le prospettive per l’estate e come cambieranno i viaggi dopo il Covid-19

 

L’uscita dal tunnel, per il mondo del turismo, è sempre più vicina. «La distribuzione in molti Paesi di vaccini efficaci rappresenta un elemento di speranza per l’estate, ma non pensiamo che tutto riparta all’improvviso come premendo il tasto di accensione di una lampadina. Ci vorrà tempo: si inizierà in alcune aree del mondo e poi, progressivamente, in altre».

 

Continua a leggere su : 

 

https://24plus.ilsole24ore.com/art/turismo-come-sara-l-estate-2021-secondo-numero-mondiale-booking-ADn3pqMB?refresh_ce=1

 

 

 

 

Postato 20/02/2021  ore 15:00

Le novità sul credito di imposta      

dei B&B in locazione e le precisazioni  

sul superbonus 110%   per B&B

 

 

 

 

Credito di imposta locazioni B&B 

 

 

 

Superbonus 110% B&B

 

 

 

 

TERMINI PER EMISSIONE FATTURA 


Ecco in generale i tempi di emissione della fattura.
Se Booking paga prima dell'arrivo del cliente, quando paga Booking: però non avete i dati del cliente, il soggetto a cui viene emessa la fattura.
A questo viene in contro la norma che prevede che tu possa emettere la fattura entro 12 giorni dalla data del pagamento.
Se ancora il cliente non fosse ancora arrivato e non sia possibile avere i suoi dati, è possibile emettere il c.d. "documento commerciale" (quello che ha sostituito ricevuta fiscale e scontrino) ed in questo caso è possibile evidenziare solo il nome del cliente, senza il c.f. se italiano e perciò obbligatorio per emettere la fattura elettronica.
Ricordo che il corrispettivo da fatturare non è quanto Booking "paga", poichè questa somma è la differenza tra il corrispettivo e la commissione a Booking, ma a quanto è stata "venduto" il soggiorno.
Ricordarsi pure, qualora sussista, di fatturare l'imposta di soggiorno.



Vedi scheda tecnica con spiegazioni.


 

Con l’avvento della fatturazione elettronica e dell’invio dei corrispettivi, di cui alla L. n. 205/2017, sono tornate alla ribalta delle problematiche Iva

le questioni legate alla tempistica di emissione della fattura, ossia al momento di rilevanza Iva delle operazioni.

A tal proposito, al fine di individuare correttamente il corretto momento di emissione della fattura, si deve fare riferimento ai criteri e alle regole

individuate dall’articolo 6 D.P.R. n. 633/1972, con il quale sono distinte le operazioni tra:

  • cessioni di beni;
  • e prestazioni di servizi;

in quanto sono individuati differenti momenti impositivi ai fini Iva, con conseguenti differenti momenti entro i quali emettere la fattura attiva.

Sul punto si ricorda che, secondo quanto stabilito dal citato articolo 6, D.P.R. n. 633/1972:

  • le cessioni di beni mobili si realizzano, ai fini IVA, all’atto della consegna degli stessi, salvo pagamento anticipato del corrispettivo (combinato disposto dell’articolo 6 commi 1 e 4 del D.P.R. 633/1972);
  • le cessioni di immobili si realizzano al momento del rogito notarile;
  • le prestazioni di servizi si realizzano al momento di pagamento del corrispettivo (articolo 6 comma 3 del D.P.R. 633/72) In particolare, le prestazioni di servizi “si considerano effettuate all'atto del pagamento del corrispettivo [...] e se anteriormente all’effettuazione dell’operazione sia emessa fattura, o sia pagato in tutto o in parte il corrispettivo, l'operazione si considera effettuata, limitatamente all'importo fatturato o pagato, alla data della fattura o a quella del pagamento”.

L’insorgenza del momento impositivo porta con sé l’insorgenza dell’obbligo di certificare l’operazione, meditante l’emissione della fattura o

mediante l’emissione dello scontrino fiscale (documento commerciale).

Secondo quanto stabilito dal comma 4 dell’articolo 21 D.P.R. n. 633/1972, post modifica D.L. n. 118/2019, sono ammessi dodici giorni di tempo

per l’emissione della fattura e per la trasmissione dei corrispettivi. Infatti, dal 1° luglio 2019, è consentito emettere le fatture entro 12 giorni –

rispetto ai dieci previsti dalla precedente formulazione della norma – dalla data di effettuazione delle operazioni, determinata ai sensi dell’articolo 6 del D.P.R. 633/1972.

Il D.L. n. 34/2019, invece, analogamente a quanto previsto in tema di fatturazione, stabilisce che i soggetti che effettuano operazioni al dettaglio,

di cui all’articolo 22 D.P.R. n. 633/1972, e che sono tenuti alla memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi giornalieri – ex articolo 2 D.Lgs.

  1. 127/2015 - possono inviare i dati entro il dodicesimo giorno successivo dal momento di effettuazione dell’operazione, determinato ancora

ai sensi dell’articolo 6 D.P.R. n. 633/1972.

Considerato che le prestazioni alberghiere sono considerate prestazioni di servizi, ciò che ne emerge è l’applicazione delle regole di emissione

della fattura o di certificazione del corrispettivo secondo le regole riservate alle prestazioni di servizi esaminate in precedenza.

In particolare:

  • la fattura o il corrispettivo va emessa entro il dodicesimo giorno successivo al momento di effettuazione del pagamento;
  • se la fattura viene emessa in un momento antecedente al momento di incasso del corrispettivo, l’operazione si considera effettuata al momento di emissione della fattura.

A questo si deve aggiungere la possibilità di emettere, sia per le cessioni di beni che per le prestazioni di servizi e quindi anche per quelle

alberghiere e ricettive in generale, la c.d. fattura differita.

A tal proposito, si ricorda che la fattura elettronica “differita” può essere inviata al Sistema di

Interscambio entro il termine ultimo del giorno 15 del mese successivo rispetto a quello di effettuazione delle operazioni. In tal caso, sotto il

profilo operativo si ricorda che, come previsto dall’articolo 21, comma 4, lettera a), del D.P.R. 633/72, è possibile emettere fatture differite per le

prestazioni di servizi in cui venga richiamato un documento, come la c.d. “fattura proforma” il bonifico bancario, la ricevuta di pagamento, o

altri documenti, contenente la descrizione dell’operazione, la data di effettuazione e gli identificativi delle parti contraenti, idoneo a supportare il

differimento dell’emissione della fattura elettronica.

Ciò che potrebbe accadere, con specifico riferimento al settore ricettivo, potrebbe essere la conclusione del soggiorno in assenza di

pagamento del corrispettivo. In tal caso, al fine di superare l’eventuale contestazione di ricavi non dichiarati, oltre che per un utile monitoraggio

dei crediti verso clienti, pare utile rilasciare al cliente un documento commerciale con riportata l’indicazione di corrispettivo non incassato.

 

Postato 14/02/2021  ore 15:07

Superbonus 110%, dall’Agenzia delle Entrate la guida aggiornata: tutte le novità

 

 

Superbonus 110%, guida aggiornata dell'Agenzia delle Entrate, alla luce delle novità previste dalla Legge di Bilancio 2021. Dalla proroga alle nuove regole in merito a lavori e soggetti beneficiari, ecco cosa cambia.

Superbonus 110%, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida aggiornata, contenente tutte le novità in vigore dal 1° gennaio 2021.Accanto alla proroga (per la quale si attende il via libera UE), la Legge di Bilancio 2021 ha introdotto ulteriori ed importanti novità in merito al superbonus del 110%.

 

Continua a legge su :

 

https://www.informazionefiscale.it/superbonus-110-per-cento-guida-agenzia-delle-entrate-novita-2021

 

Scarica la guida da:

 

 

 

 

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Guida_Superbonus110__.pdf/49b34dd3-429e-6891-4af4-c0f0b9f2be69

 

 

 

 

 

 

Postato 14/02/2021  ore 09:56

 Affitti brevi con la cedolare anche per i forfettari

Per gli immobili riconducibili alla propria sfera privata anche i forfettari possono optare per la cedolare secca al 21%

Anche i contribuenti forfetari possono tassare i redditi da locazione breve con il regime della cedolare secca. Se ad essere locati sono immobili non riconducibili alla propria sfera professionale o di impresa. Si arriva a tale conclusione analizzando le disposizioni di cui alle locazioni brevi.

Ecco quando il contribuente in regime forfettario può optare per la cedolare secca sulle locazioni della durata non superiore a 30 giorni.

 

 

Continua leggere su :

 

 

 

https://www.investireoggi.it/fisco/affitti-brevi-con-la-cedolare-anche-per-i-forfettari/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Postato 04/02/2021  ore 09:09

Atti fiscali e cartelle esattoriali sospesi fino al 28 febbraio 2021: è ufficiale

 

Il Governo ha approvato un nuovo rinvio per la scadenza della sospensione degli atti fiscali; stop fino al 28 febbraio 2021.

Sembrava che una soluzione per i 50 milioni di atti fiscali dovesse arrivare con il Decreto Ristori quinquies, ma la crisi di Governo ha rallentato l’iter di approvazione di questo provvedimento e per questo motivo il Consiglio di Ministri ha deciso di procedere con una misura ad hoc.

Già nelle scorse settimane il Consiglio dei Ministri aveva approvato un provvedimento che bloccava l’invio della cartelle esattoriali per il periodo che va dal 18 al 31 gennaio 2021; da lunedì, quindi, l’Agenzia delle Entrate sarebbe stata autorizzata ad inviare tutti gli atti e le cartelle rimaste congelate durante la pandemia.

 

Continua a leggere su :

 

 

https://www.money.it/atti-fiscali-cartelle-esattoriali-sospesi-28-febbraio-2021

 

 

 

 

 

Postato 26/01/2021  ore 21:39

 

Airbnb  - Consiglio di Stato - Corte di Giustizia dell'Unione Europea

 

Una storia infinita

 

********

Legge tutto su :

 

 

 

 

 

 

Torna all’esame della Corte di Giustizia dell’Unione europea la contesa tra Airbnb e lo Stato italiano sulla cedolare secca al 21% sugli affitti a breve. Con un’ordinanza emessa oggi, la Quarta sezione del Consiglio di Stato ha rimesso ai giudici di Lussemburgo la questione della compatibilità con le norme comunitarie della tassa italiana che impone agli intermediari di raccogliere la cedolare secca sugli affitti brevi. A chiedere in udienza, lo scorso 20 dicembre, di rimettere di nuovo la questione ai giudici europei erano state Airbnb Ireland e Airbnb Payments Uk, assistite dagli avvocati Marcello Clarich, Angelo Raffaele Cassano e Sabrina Borocci, dopo che a giugno 2020 una precedente questione pregiudiziale sollevata sempre dal Consiglio di Stato era stata dichiarata “irricevibile” dalla Corte di Giustizia Ue.

 

 

 Continua a leggere : 

 

 https://www.fortuneita.com/2021/01/26/tassa-affitti-brevi-la-contesa-tra-airbnb-e-litalia-torna-alla-corte-di-giustizia-ue/

 

 

 

 

 

Postato 24/01/2021  ore 15:05

 

Il turismo sotto stress va a caccia di aiuti.

 

Da Recovery e Manovra 8,7 miliardi

 

 

Otto miliardi di euro nel Recovery fund e circa 700 milioni nella legge di Bilancio 2021 vanno a sostenere hotel, agenzie e tour operator. Ma non basta: il settore chiede più sostegno

Undici miliardi euro di aiuti stanziati nel 2020 per arginare gli effetti del Covid su turismo e cultura. Circa 700 milioni di euro messi a budget nella legge di Bilancio 2021 e una bozza di Recovery plan che, partita con soli 3,1 miliardi di euro dedicati ai due settori, è arrivata a 8 miliardi. Sono queste le cifre più importanti spese o programmate dal Governo Conte-bis per sostenere il comparto turistico, che vale circa il 13% del Pil italiano, con il solo settore alberghiero che nel 2020 ha registrato perdite per circa 18 miliardi, secondo quanto riportato da Confindustria Alberghi, a fronte di un calo dei turisti stranieri del 70% circa e un picco negativo del -76,3% per le presenze complessive nelle grandi città a luglio, agosto e settembre 2020 (fonte Istat). Manca il “conto” invernale che ancora deve essere presentato. E che ci si aspetta sarà salato.

 

Continua a leggere su :

 

 

 

 

https://www.ilsole24ore.com/art/il-turismo-sotto-stress-va-caccia-aiuti-recovery-e-manovra-87-miliardi-ADxk0VDB

 

 

 

 

 

 

 

Postato 24/01/2021  ore 14:43

Cgia: 'esplosa' produzione legislativa Covid, 450 norme

 

Più prolifico Ministero Salute, 'scatenata' macchina burocratica

 

A causa della presenza del Covid-19 la produzione normativa è esplosa: sono 450 le misure legislative, tra circolari, ordinanze, decreti, Dpcm, leggi, linee guida sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, approvate a livello nazionale in poco meno di un anno. Lo rileva oggi l'ufficio studi della Cgia di Mestre (Venezia).

 

Continua a leggere su :

 

 

https://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2021/01/23/cgia-esplosa-produzione-legislativa-covid-450-norme_f6659877-9145-44da-96b5-73e864568ce8.html

 

Postato 23/01/2021  ore 23:30

1200 euro ai proprietari di casa: chi li può avere e come

 

Sarà in vigore da fine febbraio, dopo la comunicazione ufficiale dell'Agenzia delle entrate, un bonus che permetterà, a chi riduce il canone di affitto, di ricevere 1200

 

Chi ridurrà il canone di locazione all'inquilino, secondo la legge di Bilancio, potrà avere un contributo a fondo perduto equivalente fino al 50% di ciò che non ha incassato. Concretamente: chi ridurrà l'affitto del proprio locatario potrà ricevere una cifra, da parte dello Stato, fino a 1200 euro. Non si tratta però di un bonus destinato a tutti. Potrà farne richiesta solamente il proprietario dell'immobile qualora il proprio affittuario abbia regolarmente registrato l'appartamento, dove abita, come prima casa.

 

Continua a legge su :

 

https://www.ilgiornale.it/news/politica/1200-euro-ai-proprietari-casa-chi-li-pu-avere-e-1918588.html

 

Postato 14/01/2021  ore 22:27

 

Bankitalia: nel primo semestre 2020 redditi famiglie -8,8% ...

 

Nel primo semestre del 2020 i redditi primari pro capite a valori correnti delle famiglie si sono ridotti dell'8,8 per cento rispetto al primo semestre del 2019, una contrazione decisamente più ampia di quelle registrate nelle fasi più acute della crisi finanziaria (-5,2 per cento) e di quella dei d ...

 


Leggi tutto su : 

 

https://www.soldionline.it/notizie/economia-politica/bankitalia-nel-primo-semestre-2020-redditi-famiglie-8-8?cp=1

 

 

Postato 02/01/2021  ore 12:27

 

Legge di Bilancio 2021       

Sommario di tutte le nuove disposizioni

 

Scarica il riepilogo in formato pdf da : 

 

 

 

 

Clicca  

 

 

 

 

 

 

************************

2020 

************************

 

 

 

ARCHIVIO Sezione "Cura Italia" 

del  Rag. Paolo Sardi - Consulente fiscale ANBBA 

 

La pagina contiene le notizie fino al 3 dicembre 2020 

 

 

 

 

 

 

 

Postato 26/12/2020  ore 09:25

Eliminazione barriere architettoniche

tra i “trainati” nel superbonus 110%

 

 

Il superbonus 110% è prorogato al 2022 e tra i lavori “trainati” si inseriscono anche quelli destinati all’eliminazione delle barriere architettoniche

La manovra di bilancio 2021, nel testo che dalla Camera passa al Senato per il varo definitivo, allarga l’ambito applicativo del superbonus 110% aggiungendo ulteriori interventi ammessi al beneficio.

La stessa manovra proroga il beneficio anche alle spese fatte fino al 30 giugno 2022. Tuttavia, stabilisce che:

  • la detrazione fiscale resta da godere in 5 quote annuali di pari importo se trattasi di spese sostenute nel periodo 1° luglio 2020 – 31 dicembre 2021

  • se, invece, la spesa è sostenuta nel periodo 1° gennaio 2022 – 30 giugno 2022, la detrazione dovrà avvenire in quattro quote annuali

Resta ferma in ogni caso la possibilità di optare, in luogo della detrazione fiscale, per lo sconto in fattura o per la cessione del credito.

 

Continua a leggere su :

 

 

https://www.investireoggi.it/fisco/eliminazione-barriere-architettoniche-tra-i-trainati-nel-superbonus-110/?utm_source=pushengage&utm_medium=push_notification&utm_campaign=pushengage

 

 

 

 

Postato 13/12/2020  ore 16:48

 

Decreto Ristori: le novità apportate dagli emendamenti approvati al Senato

 

 

 

 

Decreto Ristori (compresi bis, ter e quater), novità al Senato: approvati gli emendamenti, più tutele per lavoratori e famiglie.

 

Novità per il Decreto Ristori: nella notte è arrivato il via libera delle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato riguardo agli emendamenti da apportare al testo che, ricordiamo, accorpa anche i decreti bister e quater. È tutto pronto per il voto in aula, previsto nella giornata di lunedì 14 dicembre; dopodiché il testo uscirà blindato - così da evitare nuove modifiche alla Camera - in modo da completare l’iter di conversione del Decreto Ristori prima di Natale, tra il 23 e il 24 dicembre.

 

Continua a leggere su :

 

 

 

https://www.money.it/Decreto-Ristori-novita-Senato?utm_source=notifichepush

 

 

 

 

 

 

 

Postato 10/12/2020  ore 12:42

Superbonus al 50% per i lavori dei B&B

 

Gli interventi sull’immobile utilizzato sia come abitazione principale che come bed & breakfast possono accedere al superbonus solo per il 50% delle spese sostenute.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle entrate

 

 

Superbonus al 50% per lavori su B&B. Gli interventi sull'immobile utilizzato sia come abitazione principale che come bed & breakfast possono accedere al Superbonus solo per il 50% delle spese sostenute. Lo ha chiarito l'Agenzia delle entrate con la risposta n. 570 del 9/12/2020. Il caso riguarda un contribuente che intende realizzare interventi di riqualificazione energetica su un immobile unifamiliare adibito in parte a bed & breakfast, la cui attività è esercitata in forma professionale con partita Iva attraverso una società in nome collettivo.

 

Continua a leggere  su :

 

https://www.italiaoggi.it/news/superbonus-al-50-per-i-lavori-dei-b-b-2497906

 

 

 

 

Postato 09/12/2020  ore 12:35

Chiarimenti relativi al pagamento delle scadenze pagamento IMU  2020


Il Decreto Ristori Quater precisa che ci devono essere 3 condizioni:


1) Immobili situati in zone rosse individuate dal decreto Min. Salute ed art. 3 DL 149/2020


2) I soggetti passivi di IMU devono essere anche i gestori delle attività economiche indicate dai codici ATECO interessati (ATTENZIONE: si ribadisce che coloro che svolgono tutte quelle attività in forma non imprenditoriale non rientrano tra gli esclusi);

3)  Gli immobili devono essere classificati in categoria D e non in categoria residenziale A/... 

 

Scarica un articolo che prova a fare chiarezza.

Clicca 




 

Postato 07/12/2020  ore 18:37

 

IMU bed and breakfast e case vacanze:

cancellazione del saldo solo per attività imprenditoriali

 

IMU bed and breakfast e case vacanze, le FAQ del Dipartimento Finanze del MEF del 7 dicembre 2020 forniscono chiarimenti sulla scadenza del saldo del 16 dicembre: per avere diritto all'esonero dal versamento dall'imposta municipale propria si deve svolgere attività imprenditoriale.

 

Continua a leggere su :

 

i

 

https://www.informazionefiscale.it/IMU-bed-and-breakfast-case-vacanze-attivita-imprenditoriali

 

 

Postato 04/12/2020  ore 14:32

 

Fisco, le sospensioni diventeranno esoneri

 

Le sospensioni delle tasse diventeranno esoneri fiscali per le aziende che avranno subito un calo del fatturato. Il governo sta mettendo a punto i nuovi criteri che andranno ad operare nel decreto ristori 5 (o final) e punta a superare la logica dell’indennizzo con il codice ateco

Le sospensioni delle tasse diventeranno esoneri (o cancellazioni) fiscali per le aziende che avranno subito un calo del fatturato. Il governo sta mettendo a punto i nuovi criteri che andranno ad operare nel decreto Ristori 5 (o final) e punta a superare la logica dell'indennizzo con il codice ateco

 
 
 
Continua a leggere su : 

 

 

 

 

Postato 04/12/2020  ore 09:46

 

Google, Facebook e Airbnb diventeranno «collaboratori fiscali» della Ue

Proposta della Commissione approvata dai ministri Ecofin: i giganti del web forniranno i dati di chi le utilizza per fare business. Soddisfatto Gualtieri.

Google e Amazon potrebbero comunicare i dati dei loro utenti al fisco. L’Europa trasformerebbe quindi i giganti del web in «collaboratori fiscali» per sorvegliare l’evasione di chi guadagna attraverso il web. Coloro che non si adegueranno potrebbero patire anche lo stop all’accesso al mercato. È quanto traspare dalla revisione della Direttiva sulla cooperazione amministrativa (Dac7) come proposta a luglio dalla Commissione europea e approvata l’1 dicembre dai ministri delle Finanze dei Paesi dell’Unione europea. Il ministro dell’Economia e delle finanze italiano Roberto Gualtieri si è detto «soddisfatto per l’accordo Ecofin sulla Direttiva Dac7. Più scambio di informazioni e trasparenza sui redditi prodotti con l’intermediazione delle piattaforme digitali e più cooperazione tra autorità fiscali europee. Un importante passo avanti contro evasione ed elusione fiscale», ha scritto su Twitter.

 

Continua a leggere su : 

 

 

 

https://www.ilsole24ore.com/art/google-facebook-e-airbnb- diventeranno-collaboratori-fiscali-ue-ADHogt5

 

 

Postato 03/12/2020  ore 21:30

 

ESENZIONI IMU 2020 

 

 

Versamenti sospesi dicembre 2020 

 

 

Decreto ristori quater