SERGIO LOMBARDI INFORMA

Sergio Lombardi  informa 

 

 

Postato il 06/02/2021 alle ore 11:50

 

Sergio Lombardi scrive :

 

Secondo la Legge di Bilancio 2021 (L. 178/2020), dal 1° gennaio 2021 il limite di immobili in locazione breve (da 1 a 30 notti) che sul territorio nazionale possono essere tassati con cedolare secca è di quattro. Ma è un limite spesso solo teorico e in questo articolo vi spieghiamo perché.
Si tratta della quinta modifica alla “Tassa Airbnb” in meno di quattro anni.

Fin dalla presentazione della bozza della Legge di Bilancio, descritta in questo articolo, l’attenzione di tutti gli Host e Property Manager è rivolta alla nuova “regola delle 4 case” e le prime interpretazioni stanno creando molta confusione per chi ha già una attività di locazione turistica ma anche per chi vuole avviarla o svilupparla.
Quanti immobili potrò gestire? Cambia qualcosa nel 2021? Quali forme di alloggio saranno limitate? Queste domande meritano una risposta.

Continua a leggere su : 

 

https://www.extralberghiero.it/cedolare-secca-per-4-immobili-in-locazione-breve-ecco-dove-si-applica-il-limite/1822/

 

 

 

Postato il 13/01/2021 alle ore 20:57

  • 2021, L’ANNO CHE VERRA’

 

di Sergio Lombardi

 

Nell’augurare a tutti i Soci ANBBA e ai lettori un sereno 2021, vi annuncio di essere entrato a far parte del Comitato Tecnico-Scientifico dell’ANBBA.

Con il mio aiuto, l’ANBBA sarà ancora più attiva nell’individuare, interpretare e segnalare le norme e regole che riguardano le attività extralberghiere.

La prima novità che vi segnalo è quella dell’incrocio dei dati fiscali, notizia passata in secondo piano, ma che riguarda tutte le strutture extralberghiere, imprenditoriali o no, e anche le locazioni turistiche.

INCROCIO DEI DATI FISCALI PER LE LOCAZIONI BREVI E STRUTTURE RICETTIVE: COSA COMPORTA?

Via ai controlli sui redditi degli host e sulla city tax. Approvate dopo un anno e mezzo di attesa le regole sull’incrocio dei dati fiscali nell’extralberghiero. Coinvolti anche i Property Manager e gli altri intermediari.

L’incrocio dei dati avverrà a partire dall’anno 2020 fra gli archivi di Alloggiati Web e quelli dell’Agenzia delle Entrate e dei Comuni con imposta di soggiorno e riguarda tutte le strutture ricettive, alberghiere ed extralberghiere, oltre che le locazioni brevi. Probabile che successivamente siano verificate annualità precedenti (2019 e precedenti).

Le comunicazioni dei dati degli ospiti verranno confrontate con i versamenti e le comunicazioni periodiche e annuali dell’imposta di soggiorno (Modelli 21), e con le dichiarazioni dei redditi e Iva.

Mentre per l’imposta di soggiorno è più immediata la correlazione fra ospiti e tasse, per i redditi e per l’Iva dichiarati saranno più evidenti le situazioni di dichiarazione omessa del tutto, o senza i quadri relativi agli incassi turistici, o con differenze importanti fra volumi di ospiti e redditi e Iva dichiarati.

Niente vieta comunque all’Agenzia delle Entrate di chiedere ad ogni contribuente il dettaglio dei redditi dichiarati nelle situazioni dubbie, o di avviare accertamenti bancari, che potrebbero mostrare redditi non dichiarati, visto che la maggior parte delle OTA paga attraverso bonifici bancari.

Continua su Extralberghiero.it

https://www.extralberghiero.it/incrocio-dei-dati-fiscali-per-le-locazioni-brevi-cosa-comporta/1447/

Postato il 12/01/2021 alle ore 15:45

MODELLO 21 – ANNO 2020 – ROMA – SCADENZA 30/1/2020
Il Modello 21 per l’anno 2020 va presentato entro il 30/1/2021. A causa delle modifiche di legge, il Modello 21 va presentato per i periodi del 2020 fino al 18 maggio.
Fra i suoi servizi, Taxbnb offre la compilazione del Modello 21.

 
ROMA - CONTRIBUTO DI SOGGIORNO: ACCERTAMENTI IN CORSO
A Roma sono in corso accertamenti sul contributo di soggiorno, a partire dall’anno 2015 con molte contestazioni inviate dal Comune via Pec o raccomandata ai titolari di strutture ricettive per comunicazioni trimestrali e Modelli 21 omessi o errati. Si ricorda che il reato di peculato è ancora pienamente applicabile alle violazioni commesse prima del 19/5/2020, come chiarito dalla sentenza della Corte di Cassazione del 30/10/2020.
Per regolarizzazioni:

 
BONUS CENTRI STORICI – SCADENZA 14 GENNAIO
Il 14 gennaio è l’ultimo giorno per presentare la domanda per il contributo a fondo perduto per le attività con vendita di beni e servizi al pubblico - comprese le strutture ricettive imprenditoriali – situate nei centri storici (zona A) di 29 comuni, fra cui Roma.
Informazioni, modello e istruzioni su sito Agenzia Entrate:
https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/bonus-contributo-a-fondo-perduto-per-i-centri-storici
 
DECRETO RISTORI IRAP LAZIO: DALL’11/1 APERTURA RICHIESTE
La partecipazione al bando IRAP sarà possibile esclusivamente per via telematica all’indirizzo https://www.regione.lazio.it/ristorolazioirap/ che sarà attivo dalle 10.00 di lunedì 11 gennaio fino alle 10.00 di lunedì 8 febbraio (o fino ad esaurimento risorse)
Beneficiarie del ristoro Irap del Lazio: le società e ditte individuali soggette ad Irap con sede legale o unità locali nel Lazio. Nella giornata dell’11 gennaio sono state presentate circa 3 mila richieste di ristoro.
Fra le 283 categorie che possono richiedere il ristoro Irap, ecco quelle nel settore extralberghiero:
552051 Affittacamere, Case Vacanze, Bed&Breakfast
799019 Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca
 
CREDITO D’IMPOSTA PER CANONI DI LOCAZIONE NON ABITATIVA
E’ stato esteso fino ad aprile 2021 il credito d’imposta per i canoni di locazione non abitativi per le attività turistiche. La percentuale del tax credit è del 60% per i canoni di locazione e del 50% per l’affitto d’azienda. Il credito d’imposta 2020 può essere compensato in dichiarazione a giugno, o ceduto. Il credito d’imposta 2021 può essere compensato mensilmente nel 2021, o ceduto.
Il software aggiornato per la cessione del credito fino al mese di dicembre 2020 è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Modello: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/3012574/Modello+di+comunicazione_14122020.pdf/45d709e7-c5c2-e00b-9291-ce6b40d036f5
Istruzioni:
https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/3012574/Istruzioni_14122020.pdf/05848320-656a-2d3d-d787-980371e82335
 
INCROCIO DEI DATI FISCALI
E’ stato avviato l’incrocio dei dati fra il Ministero dell’Interno (Alloggiati Web), l’Agenzia delle Entrate per le imposte sui redditi e l’Iva, e i Comuni per l’imposta di soggiorno. Per ora i dati riguardano l’anno 2020, successivamente l’incrocio verrà esteso ad altri anni. L’attuazione è arrivata con il decreto interministeriale, pubblicato il 2/12/2020 (a pag. 4 sulla Gazzetta Ufficiale)
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2020/12/02/299/sg/pdf
Tutte le comunicazioni Alloggiati Web verranno incrociate con i versamenti dell’imposta di soggiorno e con le dichiarazioni dei redditi.
Nel caso di irregolarità, si suggerisce di presentare dichiarazioni integrative o tardive e di effettuare il ravvedimento operoso per le imposte sui redditi, per l’Iva e per l’imposta di soggiorno.

 
ESENZIONE IMU STRUTTURE RICETTIVE
Approvata l’esenzione dall’acconto IMU 2021 per le strutture ricettive imprenditoriali.
Si precisa che le strutture ricettive non imprenditoriali e le locazioni turistiche sono tenute a versare acconto e saldo IMU 2020 e acconto IMU 2021. Nel caso di mancato versamento, è suggeribile regolarizzare per evitare sanzioni al 30% e blocco della Scia, come previsto dal nuovo Regolamento Generale delle Entrate di Roma Capitale.

 
LAZIO - SANZIONI PER MANCATO CODICE IDENTIFICATIVO
L’assenza del codice identificativo CIR-CISE per le strutture extralberghiere del Lazio è punito con la sanzione amministrativa da 500 a 3.000 euro.
(Legge Regionale Lazio n. 1 del 27/2/2020.
Portale della Regione Lazio per iscrizione CIR-CISE:
https://www.regione.lazio.it/cise/
 
Taxbnb è il primo sito dedicato al 100% alla consulenza fiscale, legale, tecnica e del lavoro per le strutture ricettive e le locazioni turistiche su tutto il territorio nazionale. Siamo presenti su varie sedi e raggiungibili anche con appuntamenti telefonici o in videoconferenza convenzionato con ANBBA. Per informazioni scrivere a :

consulente@anbba.it

Postato il 14/11/2020 alle ore 09:15 

Legge di BILANCIO 2021

LA BOZZA

ART. 91. (Misure in materia di strutture ricettive )

 

Relazione illustrativa

La norma, al comma 1, prevede che il regime fiscale delle locazioni brevi - che si riferisce a quelle di durata non superiore a 30 giorni, inclusi i contratti che prevedono servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali, contenuto nell'art. 4 del decreto-legge n. 50 del 2017, ai sensi del quale ai redditi derivanti dai contratti di locazione breve stipulati a partire dal 1° giugno 2017 si applica l'aliquota del 21 per cento in caso di opzione per l'imposta sostitutiva nella forma della cedolare secca - è riconosciuto solo in caso di destinazione alla locazione breve di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo di imposta. Si stabilisce inoltre, a fini di tutela del consumatore e della concorrenza, che l'attività di locazione di immobili di durata non superiore a 30 giorni, da chiunque esercitata, si presume svolta in forma imprenditoriale ai sensi deH'articolo 2082 del codice civile, quando il numero degli appartamenti resi disponibili per le locazioni è superiore a quattro. Si chiarisce inoltre che le disposizioni sopra illustrate si applicano anche per i contratti stipulati tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, oppure soggetti che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile con persone che dispongono di appartamenti da condurre in locazione. Al comma 2 si dispone, inoltre, l'abrogazione del comma 3-bis dell'articolo 4 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, ove si prevede l'adozione di un regolamento deputato a stabilire in quali casi l'attività di locazione breve si intende svolta in forma imprenditoriale. L'abrogazione si rende necessaria in quanto tali casi sono ora direttamente stabiliti dalla norma, per cui il rinvio al regolamento non ha ragion d'essere. Il comma 3 agevola l'attuazione della banca dati delle strutture ricettive e degli immobili destinati alle locazioni brevi, già prevista daH'articolo 13-quater, comma 4 e seguenti, in considerazione del passaggio di competenze in materia di turismo dal MIPAAF al MiBACT, nonché delle esigenze di coordinamento con le normative regionali che abbiano già adottato codici identificativi delle medesime strutture. A tal fine, si sostituisce il comma 4, prevedendo l'istituzione della predetta banca dati presso il MiBACT (in sostituzione del Dicastero precedentemente competente) e i contenuti della stessa: in particolare, la banca dati raccoglie e ordina le informazioni inerenti alle strutture ricettive e agli immobili destinati alle locazioni brevi, identificati mediante un codice da utilizzare in ogni comunicazione relativa all'offerta e alla promozione dei servizi Disegno di legge di bilancio 2021 - BOZZA Articolato 13 novembre 2020 ore 13.45 74 all'utenza. Tali dati, ivi inclusi i codici identificativi regionali laddove adottati, sono trasmessi al MiBACT dalle regioni e dalle province autonome. Lo stesso comma 4, assorbendo e razionalizzando i contenuti di cui ai commi 5 e 6 - conseguentemente abrogati - stabilisce che con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo siano disciplinate le modalità di realizzazione e gestione della banca dati, di acquisizione dei codici identificativi regionali e di accesso alle informazioni ivi contenute. Infine, a fini di coerenza sistematica, al comma 7 sono aggiunti, tra i soggetti tenuti a pubblicare il codice identificativo nelle comunicazioni inerenti all'offerta e alla promozione, coloro che concedono in locazione breve immobili ad uso abitativo.

 

 

Postato il 29/10/2020 alle ore 15:52 

Il Decreto Ristori trascura mezzo settore extralberghiero

 

Appena pubblicato il Decreto Ristori in Gazzetta Ufficiale, è il momento di comprendere quali categorie economiche beneficeranno degli aiuti messi in campo dal Governo per 5,4 miliardi di euro. Il decreto prevede vari provvedimenti in favore delle attività danneggiate dalle restrizioni del Dpcm del 24 ottobre, ma l’intervento più importante sono proprio i ristori delle perdite, che pesano ben 2,508 miliardi di euro.
Nelle ultime ore sono circolate varie bozze del decreto, e soprattutto varie liste di codici Ateco delle attività che avranno accesso ai fondi.

Beneficiari
Queste le categorie dell’extralberghiero che riceveranno i ristori previsti dal decreto:
– le strutture ricettive imprenditoriali con il codice attività 55.20.51 (Affittacamere, Case Vacanze e Bed&Breakfast imprenditoriali, altre tipologie extralberghiere in forma imprenditoriale);
– 
i property manager con il codice attività 79.90.19.

Categorie escluse
NON avranno invece accesso ai contributi a fondo perduto:
– le locazioni turistiche;
– le strutture ricettive non imprenditoriali;
– i property managers con i codici attività 68.32.00 e 68.20.01.
Il decreto prevede un possibile allargamento delle categorie di attività, attraverso apposito decreto MISE-MEF, ma solo nei limiti di 50 milioni di euro.

Continua a leggere su: 

https://www.extralberghiero.it/il-decreto-ristori-trascura-mezzo-settore-extralberghiero/

 

Postato il 20/10/2020 alle ore 17:57 

 

 

 

Intervento di  Sergio Lombardi al TTG di Rimini 

Clicca sull'immagine o collegati a :

https://www.youtube.com/watch?v=snnDC7x8U1I&ab_channel=SergioLombardi

 

 

 

Postato il 15/10/2020 alle ore 16:24 
 

 

Sergio Lombardi sarà domani  alle 15:00 al TTG di Rimini per uno speech fiscale su

 "Turismo e normativa: come utilizzare misure e fondi a vantaggio dell’attività turistica",

 

in cui parlerà di molti aspetti fiscali delle locazioni turistiche e delle strutture ricettive extralberghiere. Dopo lo speech, Sergio è a disposizione degli iscritti ANBBA e di tutti gli operatori per quesiti e chiarimenti.

Info evento:
 

Venerdì 16 Ottobre 2020 H 15:00 

TTG - Fiera di Rimini
Italy Arena - Pad. C5

 

Postato il 13/10/2020 alle ore 18:30 

 

Approvata la proroga fiscale per società e partite Iva 

 

La Camera ha approvato il “Decreto Agosto” che, fra le svariate norme, contiene anche la proroga dei versamenti fiscali annuali (saldo e primo acconto) al 30 ottobre. L’iter del decreto ha riguardato da vicino l’extralberghiero, prevedendo limiti alle locazioni brevi, poi considerati improponibili dalla Presidenza del Senato, e l’allargamento del bonus vacanze a nuove categorie di intermediari.

Effetti della proroga

Il Decreto Agosto convertito in legge consente a società e ditte individuali di versare i tributi annuali entro il 30 ottobre 2020 senza applicazione di sanzioni, con la sola maggiorazione dello 0,8 per cento delle imposte dovute. La scadenza originaria dei versamenti annuali era il 30 giugno. Il decreto entra in vigore con la pubblicazione.

Tributi prorogati

I tributi prorogati al 30 ottobre comprendono il saldo 2019 e il primo acconto 2020 di:
– Irpef,
– Ires,
– Irap (se dovuta)
,
– Imposta sostitutiva dei contribuenti forfettari,

oltre al saldo 2019 dell’Addizionale Regionale e Comunale e l’acconto 2020 dell’Addizionale Comunale......

 

 Continua a leggere su :

https://www.extralberghiero.it/in-arrivo-la-proroga-fiscale-per-societa-e-partite-iva/734/