Scontrino elettronico tutte le novità !!!

Da quotidiano.net 

Scontrino elettronico:

al via il 1 gennaio 2020, moratoria sulle sanzioni fino al 1 luglio 2020

 

 

Nell'ultima legge di bilancio sono stati inseriti diversi elementi di novità relativi allo scontrino elettronico. Sebbene non venga concessa alcuna deroga ulteriore per l'effettiva entrata in vigore del sistema, viene comunque ancora garantita una moratoria sulle sanzioni (consistente in una riduzione delle sanzioni) fino al 1 luglio 2020 per quegli esercenti e titolari di partita IVA che dovessero tardare a riferire i dati necessari all'Agenzia delle Entrate.

Resta inoltre l'obbligo per tutto il 2020 di segnalare i pagamenti ricevuti tramite bancomat e strumenti elettronici, senza dunque per tutto il prossimo anno rimuovere questo onere (e attuare dunque una netta semplificazione) per i titolari di partita IVA.

A proposito di mezzi di pagamento, ritorna una stretta sull'uso dei contanti, per quanto in tempi molto lunghi: a partire dal 1 luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 il tetto massimo utilizzabile per il pagamento di beni e servizi è fissato in euro 2.000, che scenderanno a 1.000 euro a partire dal 1 gennaio 2022.

Scontrino elettronico: arriva il 30% di rimborso sulle commissioni per i pagamenti elettronici

Un incentivo all'uso dei pagamenti elettronici arriva però sotto forma di un credito d'imposta pari al 30% delle commissioni addebitate all'esercente per le transazioni mediante mezzi di pagamento elettronici (carte di credito, di debito e prepagate). Tale misura è specificamente pensata per aiutare le piccole imprese e vige infatti un tetto di 400.000€ su ricavi o compensi ricevuti. In questo modo il Governo spera di facilitare l'adozione dei POS anche da parte dei piccoli commercianti. Rimane, però, l'assenza di sanzioni per chi non si adeguasse all'obbligo di utilizzo del POS rendendo tale obbligo di fatto non presente.

 

Scontrino elettronico: proroga della lotteria al 1 luglio 2020 e annullamento sanzioni

 

 

 

 

Nell'ultima legge di bilancio è stata introdotta una ulteriore proroga all'avvio della cosiddetta "lotteria degli scontrini". Secondo la nuova norma la lotteria prenderà il via il 1 luglio 2020 e non il 1 gennaio 2020 come previsto precedentemente. Questo perché sono stati sollevati dubbi sulla liceità della raccolta dati sull'individuo da parte del Garante della privacy: tali dati sarebbero utilizzabili per tracciare un profilo del cittadino senza il suo consenso.

Per consentire l'ideazione e la messa in pratica di un nuovo sistema di identificazione, che prenderà presumibilmente la forma di un codice personale specifico per la lotteria, serviranno alcuni mesi ed è per questo che è stato introdotto il ritardo.

Con la legge di bilancio vengono anche annullate le sanzioni per quei titolari di partita IVA che non comunicassero i dati dei propri clienti all'Agenzia delle Entrate per la partecipazione alla lotteria. I privati potranno però segnalare tale mancanza all'Agenzia delle Entrate stessa e alla Guardia di Finanza che procederanno a inserire l'esercente tra i contribuenti a rischio, aumentando così la probabilità di controlli per constatare lo stato dell'attività e valutare eventuali irregolarità.

Ricordiamo che la lotteria degli scontrini porterà a estrazioni mensili da 10.000, 30.000 e 50.000 euro, con una estrazione annuale da ben un milione.

Nel complesso, dunque, l'ultima legge di bilancio esprime una maggiore flessibilità nei confronti dei titolari di partita IVA che dovranno rilasciare scontrini elettronici.

 

Data: 27/12/2019