Venezia - Acqua alta 2019 !!!

ACQUA  ALTA  A  VENEZIA

1825-2019

 

Da  https://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13532652/venezia-alluvione-greta-thunberg-dipinto-1800-acqua-alta.html

 

Il dipinto riprodotto qui sopra è opera dell'artista veneziano Vincenzo Chilone (1758-1839). Raffigura, come spiega la didascalia del sito della casa d'aste Sotheby's, Piazza San Marco inondata. Da alcuni elementi del quadro (le bandiere austriache e un edificio in seguito abbattuto) si può datare la scena al 9 dicembre 1825 quando le gazzette del tempo registrano forte acqua alta. Secondo gli esperti di Sotheby's, le gondole addobbate dimostrano che gli allagamenti erano occasione di divertimento. Frase eccessiva; ma è un fatto che i fenomeni di questi giorni non sono unici nella storia. 

 

Il mio commento  è solo questo che dal 1825 ad oggi non è stato fatto niente per impedirlo ovvero si sono spesi soldi,  si è fatta un’opera colossale che non si sa se funzionerà o non funzionerà , ma almeno finiamola e poi proviamo a vedere se funzionerà o meno e non facciamo polemiche e non cavalchiamo  idee politiche o atteggiamenti  tali da compromettere la sua definitiva realizzazione:  basta di dire MOSE Si o MOSE NO !!!

- La storia ci insegna che le cose che non servono (o che molti pensano che non servano , poi sono servite : eccome !!!  La prima ferrovia italiana , la Napoli Portici , fu costruita 180 annifa  era lunga 7 chilometri , e qualche metro in più,  e pensate era a doppio binario, fu fatta costruire dal Re Ferdinando II° delle Due Sicilie – Leggete la storia http://www.ilportaledelsud.org/ferrovia.htm  -

 - Oggi per costruire una linea ad alta velocità si ingaggiano battaglie a non finire che rallentano lo sviluppo economico. Il treno è un veicolo ormai sicuro e molto alternativo all’uso dell’auto  per collegare le grandi città e non solo . Venezia è raggiungibile in treno molto comodamente e i viaggiatori e i turisti possono arrivare a Venezia e scendendo si trovano proprio in bocca al CANAL  GRANDE proprio grazie all’alta velocità arribvano in pochissime ore  da tante città italiane.

Salviamo Venezia  e facciamolo al più presto,  abbattiamo i muri della BUROCRAZIA che sono quelli  che in Italia stanno rallentando tutti i settori della nostra vita lavorativa quotidiana  ed è questo uno dei pruncipali motivi per il quale  ancora questo benedetto MOSE non è ancora partito . Si è sentito parlare di conflitto di competenze : ma di cosa stiamo parlando ??? Sono cose assurde e impensabili su cui non si dovrebbe nemmeno  discutere. FARE !!!  FARE e non perdersi in chicchere , congressi , seminari , trasmissioni televisive e  bazzecole di ogni genere.  Si sprecano energie vitali e risorse economiche  per creare cose inutili , convegni sul nulla e più di nulla, si creano enti assurdi (Leggi su leggi per cancellare ENTI inutili che però sono ancora li) , carrozzoni politici per la gestione di cose immateriali e via discorrendo e poi davanti a cose veramente utili e reali  ci si ferma per una firma ….  e via dicendo !!!. 

PROVIAMO a salvare Venezia  affinchè i moderni pittori (oggi fotografi o cineoperatori)  non ci propongano più foto come queste ……..

 

Lasciamo solo  come ricordo il quadro del pittore Chilone del 1825   e intitoliamolo ACQUA ALTA ADDIO !!!

 

 

 

Cesare Gherardi

 

Data: 16/11/2019