Airbnb, maxioperazione verità

Entro un anno verifiche su tutti i 7 milioni di annunci

Verifiche sull'intera offerta del portale. Ma già dal dicembre una nuova assicurazione per i viaggiatori che finiscono loro malgrado nei tuguri. Il Ceo Chesky: “La fiducia viene prima di tutto”

11 novembre 2019

L’annuncio è arrivato direttamente dal Ceo Brian Chesky: per mettere fine a polemiche e problemi ai quattro angoli del globo, Airbnb – la piattaforma di stanze e case in affitto – lancerà una maxioperazione trasparenza. Dai tempi molto rapidi: entro il 15 dicembre del prossimo anno tutti gli annunci e le inserzioni sulla piattaforma – qualcosa come 7 milioni di proposte, coincidenti a qualche milione di strutture in decine di miglia di città – dovrà essere verificato. Cioè sottoposto a un accertamento approfondito: bisognerà dunque capire se foto e informazioni, indirizzi e resoconti sui padroni di casa siano accurati o meno. Tutto questo per evitare brutte sorprese agli ospiti, come quella capitata lo scorso settembre a New York alla turista inglese Zoe Reeves: alla ricerca di una sistemazione economica nella salatissima Grande Mela, la viaggiatrice britannica si è ritrovata in un sottoscala con materassino gonfiabile e una coperta. Un autentico tugurio da lei stessa descritto e mostrato in un video su Instagram che è ovviamente divenuto virale in poche ore .....   

Leggi intero articolo su Repubblica 

 

https://www.repubblica.it/viaggi/2019/11/11/news/airbnb_maxioperazione_verita_entro_un_anno_verifiche_su_tutti_i_7_milioni_di_annunci-240843214/



Evidenza: evidenza

Data: 12/11/2019