AirBnB-Cedolare Secca

 

   

 

Continua la telenovela  AirBnB-Cedolare secca

 

 

Quella di  AirBnB  e la Cedolare secca è diventata la "soap opera italiana" con puntate talmente affascinanti  tali da suscitare attenzioni,  forse più di quelle delle  puntate del  Commissario Montalbano.   L’ultima notizia (o meglio puntata ) è quella che ci racconta il Sole 24 ore  relativa a quanto è successo ad Airbnb Ireland (che è la casa madre  per l’Europa del famoso portale OTA) infatti la Corte di Giustizia Ue nella causa C-390/18 afferma che il  portale : offre servizi immateriali e quindi non è soggetta alla disciplina sugli Agenti Immobiliari contenuta nella “legge Hoguet”  che regola questa attività in Francia. https://curia.europa.eu/jcms/upload/docs/application/pdf/2019-04/cp190051it.pdf

- Quindi si apre uno spiraglio di speranza  anche per la diatriba  presente in Italia,   ferma al palo , dopo i vari ricorsi e contro-ricorsi,  proprio su questo  argomento , cioè dimostrare che, non svolgendo attività di MEDIATORE IMMOBILIARE , AirBnB non è tenuto ad effettuare la ritenuta del 21% sugli affitti turistici a nome degli “host”.

Leggi di più sul Sole 24 ore, vai alla pagina :

http://amp.ilsole24ore.com/pagina/ABbGbzsB

 

Leggi anche :

https://www.ttgitalia.com/stories/hotel/151878_airbnb_la_sentenza_della_corte_ue_allontana_dal_portale_la_cedolare_secca/

________________________________________________

 

Il 19 febbraio scorso l'articolo pubblicato da  QuiFinanza :

https://quifinanza.it/fisco-tasse/affitti-brevi-vita-dura-per-i-furbetti-airbnb-dovra-riscuotere-la-cedolare-secca/257251/

Evidenza: evidenza

Data: 01/05/2019