Normative B&B Regione Marche

Normativa e caratteristiche dei B&B 

 

Delibera di Giunta Regionale del 19 aprile 2007 n. 378 “ Requisiti tecnici, strutturali e funzionali minimi per i locali da adibire al servizio di alloggio e prima colazione. “bed and breakfast” – art. 34, comma 3 della L.R. N. 9/2006”.

Legge regionale 11 luglio 2006, n. 9 “ Testo unico delle norme regionali in materia di turismo”.

Articolo 34


(Offerta del servizio di alloggio e prima colazione)

L’offerta del servizio di alloggio e prima colazione con carattere saltuario o per periodi ricorrenti stagionali (bed and breakfast) è subordinata a una denuncia di inizio attività, con indicazione del periodo in cui l’attività non è esercitata.
L’attività di cui al comma 1 può essere esercitata in non più di tre camere, con un massimo di sei posti letto, della casa utilizzata ed i relativi servizi devono essere assicurati, per non più di trenta giorni consecutivi per ogni ospite, avvalendosi della normale organizzazione familiare. Il Comune effettua apposito sopralluogo ai fini della verifica dell’idoneità all’esercizio dell’attività. Coloro che esercitano l’attività di cui al comma 1 devono assicurare il servizio di prima colazione utilizzando prodotti tipici della zona, confezionati direttamente o acquisiti da aziende o cooperative agricole della regione in misura non inferiore al settanta per cento. Tale servizio è assicurato mediante l’uso della cucina domestica. Coloro che esercitano l’attività devono garantire che la preparazione, la conservazione e la somministrazione dei prodotti alimentari siano effettuate in modo igienico. L’esercizio dell’attività di cui al comma 1 non costituisce cambio di destinazione d’uso dell’immobile ai fini urbanistici e comporta, per i proprietari o possessori dei locali, l’obbligo di dimora nel medesimo per i periodi in cui l’attività viene esercitata o di residenza nel Comune in cui viene svolta l’attività, purché i locali siano ubicati a non più di duecento metri di distanza dall’abitazione in cui si dimora. L’esercizio dell’attività di bed and breakfast non costituisce attività d’impresa.

 

Delib.G.R. 19 aprile 2007, n. 378 (1). Requisiti tecnici, strutturali e funzionali minimi per i locali da adibire al servizio di alloggio e prima colazione. "Bed and breakfast" - Art. 34, comma 3, della L.R. n. 9/2006.  Pubblicata nel B.U. Marche 8 maggio 2007, n. 42. La Giunta regionale omissis Delibera 1. di approvare i requisiti tecnici, strumentali e funzionali minimi per i locali da adibire al servizio di alloggio e prima colazione - "Bed and breakfast" in attuazione dell'articolo 34, comma 3, della legge regionale 11 luglio 2006, n. 9, così come riportato nell'allegato A che fa parte integrante della presente deliberazione.

 

 Allegato "A"

1- Requisiti strutturali

 

1.1. L'altezza minima interna utile dei locali è quella stabilita dai regolamenti edilizi ed igienico-sanitari comunali.

1.2. La superficie minima delle camere è stabilita in sette metri quadrati per le camere ad un letto; in undici metri quadrati per le camere a due letti; in quattro metri quadrati per ogni letto aggiunto.

 

2- Caratteristiche e dotazioni delle camere da letto

 

2.1. Accesso alla camera indipendente da altri locali, salvo deroga del Comune per edifici d'epoca di particolare pregio storico, architettonico e culturale.

2.2. Letto adeguatamente corredato, armadio commisurato al numero di posti letto della camera, specchio e presa di corrente, comodino, sedia e cestino per i rifiuti.

 

3 - Dotazione dei servizi igienici

 

3.1. Un servizio igienico ogni sei posti letto, in caso di camere prive di bagni annessi.

3.2. Fornitura di biancheria da bagno.

3.3. Dotazione dei seguenti servizi minimi: water, bidet, lavabo, vasca o doccia, specchio con presa di corrente, chiamata d'allarme. 3.4. Fornitura di energia elettrica, di acqua calda e di riscaldamento